A ogni portafortuna il suo significato. Fin dall'antichità talismani e amuleti venivano utilizzati per allontanare la cattiva sorte e attirare eventi favorevoli, una tradizione che ha superato i secoli e le culture e che continua ad avere il suo fascino. 
Noi di Wald siamo tradizionalisti e per i nuovi charms abbiamo scelto i simboli più conosciuti:
- ALBERO DELLA VITA: simboleggia l’augurio di una vita costruita su basi solide (tronco e radici), piena ed intensa (rami e foglie);
- FERRO DI CAVALLO: portafortuna storico, appeso alla parete (con le estremità rivolte verso l’alto) porta fortuna alla casa e a chi vi abita. Sembra che questa caratteristica sia stata attribuita grazie al materiale: il ferro. Considerato un materiale forte in quanto resistente al fuoco;
- ELEFANTE: le principali caratteristiche che gli si attribuiscono sono quelle della forza, della buona salute, dell’intelligenza e della memoria eccezionale. Tra gli animali portafortuna l’elefante è senza dubbio considerato un segno di buona sorte, purché la proboscide sia rivolta in alto e verso una finestra della propria abitazione.
- GUFO: spesso collegato al mondo della magia in quanto animale notturno, il gufo in alcune culture incarna tuttavia valori positivi quali sapienza, intelligenza e intuizione;
- QUADRIFOGLIO: piccolo e raro, verde come la speranza, portatore di fortuna. Il quadrifoglio è un’anomalia: un trifoglio che nasce con una fogliolina in più, per questo risulta piuttosto difficile trovarne! La credenza popolare che il quadrifoglio porti fortuna risale addirittura al medioevo, periodo storico in cui il “quarto elemento” dopo la trinità era considerato proprio quello della fortuna (le persone lo utilizzavano per difendersi contro gli spiriti maligni durante la notte, per questo l'usanza vuole che si metta il quadrifoglio sotto il cuscino).
- COCCINELLA: il nome deriva dal latino “coccineus” ovvero “scarlatto”, il colore che le caratterizza e che ha spesso una connotazione positiva, simboleggiando vitalità, forza, passione, coraggio, successo e fortuna. In moltissime culture, inoltre, la coccinella è considerata una messaggera divina: è legata a Freyja, dea nordica della fertilità, oppure alla Madonna (Maria), che nel Medioevo veniva rappresentata proprio con un mantello rosso (i sette puntini neri tipici della coccinella, rappresenterebbero le sette gioie e i sette dolori di Maria).